27 gennaio 2008

Prima Colonna del Movimento Giovanitaliani

1)QUOTE VERDI: Istituzione di quote riservate appositamente per giovani al di sotto di anni 35 nei consigli di amministrazione delle societa' per azioni, enti pubblici, consigli comunali, consigli regionali etc... La percentuale dedicata agli under 35 puo' variare dal 40% al 50% dei posti totali. Inoltre, porre limiti di eta' per l'eleggibilita' del presidente del consiglio (55 anni), e del presidente della repubblica (60 anni).

Motivazione: I giovani sono sotto rappresentati all'interno del potere decisionale, sia nella sfera privata che nella sfera pubblica. Cio' ha determinato immobilita' economica, culturale e sociale. L'istituzione per legge di quote verdi creerebbe le condizioni per un flusso consistente di nuove idee e risorse nel sistema Italia.

In Norvegia sono in vigore le Quote Rosa, secondo le quali le aziende che non hanno almeno il 40% delle donne nei consigli di amministrazione devono immediatamente chiudere. Nel caso Italiano l' introduzione delle "Quote Verdi" dovrebbe aumentare la percentuale dei giovani nei centri decisionali, presumibilmente favorendo anche un incremento della presenza femminile nella forza lavoro. Cio' permetterebbe al nostro paese di invertire il circolo vizioso "innalzamento dell'eta' del votante mediano - piu' pensioni per gli anziani" che ci sta portando verso il declino.

2 commenti:

Eleonora ha detto...

Bravo Marco, è interessante sapere, nel concreto, i punti del movimento e la loro spiegazione e motivazione. Grazie.
Continuo a seguirti.

Amico ha detto...

Marco,
perchè non mandi i tuoi post al blog demente mastella ?